PNEUMATICIPNEUMATICI TUTTI I PNEUMATICITUTTI I PNEUMATICI RIVENDITORIRIVENDITORI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE

I nemici del pneumatico

Michelin 18 mag 2010

Enemies Of the Tyre

Il pneumatico ha tre acerrimi nemici: fattori di natura fisica, ambientale e umana. Altri fattori avversi sono un'impropria pressione di gonfiaggio, le lesioni di natura accidentale, l'altezza del battistrada, una cattiva manutenzione, il carico, la velocità e così via. Con una tale schiera di nemici, è praticamente impossibile prevedere con esattezza la durata di servizio di un pneumatico. I pneumatici MICHELIN sono progettati per offrire prestazioni eccellenti dal primo all'ultimo chilometro. Se non viene fatta una manutenzione accurata, saranno soggetti a un maggiore grado di usura e danneggiamento, rischiando così di perdere le loro caratteristiche di sicurezza.

Alla scoperta dei tre grandi nemici del pneumatico:

Fattori fisici

  • Usura e danneggiamenti (forature, lacerazioni, urti, fenditure/crepe nella gomma del battistrada e/o dei fianchi, protuberanze e rigonfiamenti ecc.).
  • Impatto con marciapiedi, buche, dossi di rallentamento ecc.
  • Invecchiamento.

DeformationAged tyre

Fattori umani

Environments

  • Mancanza di controlli regolari sui pneumatici per verificarne lo stato di usura o la presenza di danni.
  • Pressione di gonfiaggio inadeguata:
  • Pressione insufficiente.
  • Pressione eccessiva.
  • Rigonfiaggio di un pneumatico che è stato utilizzato completamente sgonfio o seriamente sottogonfiato.
  • Mancanza di controlli regolari dell'altezza del battistrada.
  • Mancata sostituzione dei pneumatici prima che raggiungano lo spessore minimo di legge.
  • Utilizzo di un pneumatico di scorta con dimensione diversa dagli altri a velocità che superano gli 80 km/h .
  • Mancata osservazione di un cambiamento delle prestazioni dinamiche, ad esempio perdita d'aria, rumorosità o vibrazioni.
  • Equipaggiamento con pneumatici diversi tra loro.
  • Mancanza di controlli da parte di uno specialista in presenza di danni al pneumatico.
  • Mancata ispezione del pneumatico subito dopo un impatto grave, da parte di uno specialista.
  • Stile di guida.
  • Caravan e rimorchi:
  • Utilizzo di pneumatici diversi per dimensioni e tipologia.
  • Utilizzo di pneumatici su rimorchi e caravan senza aumentarne la pressione di gonfiaggio.
  • In caso di rimorchio, mancato incremento della pressione dei pneumatici posteriori sul veicolo trainante.
  • Mancata sostituzione della valvola quando vengono cambiati i pneumatici tubeless.
  • Esecuzione di riparazioni in proprio invece che ad opera di uno specialista.
  • Esecuzione di riparazioni permanenti in proprio invece che ad opera di uno specialista.
  • Ricorso a riparazioni di carattere temporaneo come se fossero soluzioni definitive. Utilizzo dei pneumatici su ruote danneggiate, distorte o modificate.
  • Utilizzo di ruote e cerchi con dimensioni che non corrispondono.
  • Smontaggio e/o montaggio dei pneumatici in proprio invece che ad opera di uno specialista.
  • Mancata equilibratura dei pneumatici montati o sostituiti.
  • Montaggio di pneumatici che non hanno indici di velocità e di carico almeno pari o superiori a quelli specificati dal costruttore del veicolo e riportati sulla relativa carta di circolazione.
  • Utilizzo di sigillanti non idonei.
  • Utilizzo di pneumatici estivi in stagioni fredde o invernali.
  • Stoccaggio e rotazione inadeguati dei pneumatici.

Fattori ambientali

• Temperature estreme.
• Pioggia, ghiaccio e neve.
• Olio e grasso.

TROVA GLI PNEUMATICI MICHELIN AUTO PIU' ADATTT

Inserisci i dati della tua auto, o la misura delle tue gomme, e le tue esigenze di guida per avere il consiglio più adatto.

ULTIMO ARTICOLO LETTO

Non ci sono articoli visualizzati di recente

  • auto
  • suv - 4x4
  • furgoni-camper
Loader